Chi sta sopra e chi sta sotto

Chi sta sopra e chi sta sotto

Cos’è successo tra Russia e Turchia? Perché nessuno dei due molla davvero?

Le analisi politiche hanno naturalmente proposto diversi scenari approfonditi, ma c’è una domanda di vitale importanza da porsi: che tipo di relazione emergere tra due Paesi, se uno dei due cede?

Se prendiamo i precedenti articoli di questa rubrica scopriamo due cose:

E se ogni relazione può essere definita in tanti modi, ci sono sicuramente due tipologie generiche da considerare.

Ti può interessare anche: Mi hai spezzato il cuore: psicosomatica del cuore e dei suoi dolori

Relazioni simmetriche e complementari

Da un lato abbiamo le relazioni simmetriche (sarebbe più corretto parlare di interazioni, ma dato che una relazione non è altro che un’insieme di interazioni qui useremo i termini in modo equivalente), dove sostanzialmente i due soggetti si considerano alla pari.

Dall’altro lato abbiamo le relazioni complementari, dove un soggetto è in posizione superiore (one-up) e l’altro è subordinato (one-down).

Nel primo caso potremmo pensare a degli amici, nel secondo al rapporto mamma-bambino.

Il bello è che questo vale anche per le Nazioni.

Se volessimo riassumere una serie di critiche fatte alla Merkel dagli altri leader europei potremmo metterla in termini di Non è giusto che tu stai sopra e noi sotto: cioè la Germania one-up rende tutti gli altri Paesi one-down.

E a non tutti piace stare sotto. A qualcuno sì, e in quei casi la coppia è felice e contenta: basti pensare al rapporto tra un sadico e un masochista, sebbene anche questi potrebbero finire nella paradossale condizione in cui il masochista dice Fammi del male! e il sadico risponde No!. Tutto per continuare a mantenere la propria posizione one-up.

Il quinto assioma della comunicazione umana dice proprio questo: esistono due grandi tipologie di interazioni, quelle che evidenziano un rapporto di parità tra gli interlocutori (interazioni simmetriche) e quelle che evidenziano la disparità tra i due (interazioni complementari), dove uno è sopra e l’altro è sotto.

Putin ed Erdoğan non potevano certo permettersi di farsi vedere one-down di fronte al loro popolo e alla comunità internazionale.

Ma poi stare one-down è davvero peggio? In certe relazioni no.

Pensiamo all’esempio madre-bambino, citato poco fa. Il bambino potrebbe fare i suoi occhioni grandi e lucidi (in stile Gattoconglistivali di Shrek) e dire: Mammina cara, ho tanta voglia di gelato.

È indubbio che lui stia sfruttando, più o meno inconsapevolmente, la sua posizione di subordinazione (Sei tu, mammina, che hai i soldi per comprarmi il gelato: io sono un povero bimbo nullatenente che dipende dalle tue grazie) per ottenere ciò che desidera.

In termini geopolitici potremmo dire che la Grecia stessa ha tentato qualcosa di simile. O l’Islanda, quando ha affermato: Signori, i soldi non ce li abbiamo, è vero, quindi dichiariamo bancarotta e tanti saluti.

Semplicistico, ma chiarificatore. E l’Italia? Ahimè, l’Italia sembra troppo spesso capace di percepirsi one-down rispetto a tutti, cosa che in realtà non è, poiché vanta numerosi settori e occasioni in cui dimostra di esser alla pari degli altri se non addirittura superiore. A riconoscerselo…

One-up o one-down? Complementarità o simmetria?

La verità è che, nella vita di tutti i giorni, sia che si parli di coppie, di amicizie o di colleganza, sia che si parli di relazioni diplomatiche, un po’ di simmetria e un po’ di complementarità dovrebbero esserci sempre.

Infatti, come nei più turbolenti matrimoni, a voler essere sempre alla pari si rischia di non cogliere i momenti in cui è meglio cedere o in cui è meglio prendere le redini: Andiamo al cinema stasera? – Non lo so, a che ti va di fare? – Non lo so, e a te? – Non lo so, tu? – verso l’infinito.

E a voler mantenere sempre e solamente una posizione di superiorità o di inferiorità rispetto agli altri, mantenendosi in una rigida complementarità, beh, le conseguenze ci sembrano evidenti, no?

ARTICOLI SIMILI

951

662

485
Non si può non comunicare!

4941