Le neuroscienze cognitive

Le neuroscienze cognitive studiano i processi biologici (nello specifico, le connessioni neurali nel cervello) che regolano la cognizione umana e i processi mentali. Si tratta di un campo di studi che può essere considerato sia una branca della psicologia sia una branca delle neuroscienze. Per alcuni aspetti, tale campo di studi confina anche con alcune branche delle scienze cognitive, dell’informatica e della filosofia della mente. Nonostante le neuroscienze cognitive siano una disciplina abbastanza giovane, sono rapidamente diventate una delle aree di ricerca scientifica più attive e più importanti per la comprensione dei processi mentali e del comportamento umano.  La crescente importanza delle neuroscienze cognitive è anche determinata dall’evolversi delle tecnologie e degli strumenti che consentono di “vedere” come lavora il cervello sia quando svolgiamo semplici compiti percettivi, attentivi, mnemonici o motori, sia quando siamo impegnati in attività più complesse, come prendere decisioni, fare ragionamenti, ecc.  Inoltre, gli strumenti e le tecniche che consentono di “guardare” dentro il cervello permettono anche di capire quali circuiti neuronali regolano le emozioni, i sentimenti e gli stati affettivi.  Nei prossimi articoli di questa rubrica entreremo nel dettaglio di alcune delle più rilevanti ed importanti scoperte scientifiche recenti nel campo delle neuroscienze cognitive e ci soffermeremo anche sulle differenze individuali nella cognizione e nel comportamento che sono correlate a specifiche differenze individuali nel funzionamento del cervello.