Il disturbo narcisistico di personalità

di -
Disturbo Narcisistico di Personalità

Le caratteristiche principali del Disturbo Narcisistico di Personalità sono la necessità di essere ammirati dagli altri e il considerarsi importanti con un senso di grandiosità.

Gli individui con questo disturbo tendono a sovrastimare le proprie capacità e a ingigantire i propri pregi e i propri talenti. Vengono quindi spesso percepiti dagli altri come presuntuosi e vanagloriosi.

Ti può interessare anche: Sul narcisismo: Eco, Narciso e il loro rapporto complementare

Le caratteristiche del narcisista

Chi soffre di disturbo narcisistico di personalità fantastica spesso, immaginando di avere successo, potere, fascino e bellezza.

Crede di essere unico e speciale, o comunque superiore, e si aspetta che gli altri lo considerino o lo trattino come tale. Immagina anche di trovare l’amore ideale e di potere avere una relazione, o fidanzarsi, o sposarsi, con qualcuno che lo ammiri completamente e totalmente.

La fragilità dell’autostima fa diventare gli individui con disturbo narcisistico di personalità molto sensibili alle ferite provocate dalle critiche.

A volte cercano di non dimostrarlo esternamente, ma la critica li tormenta e li fa sentire umiliati ed avviliti. Possono reagire con sdegno o con rabbia e tendono a controbattere offendendo o insultando chi li ha criticati.

Tali esperienze possono condurre a ritiro sociale oppure ad una apparente umiltà che in realtà maschera i pensieri di grandiosità ed ha lo scopo di proteggere dalle potenziali ferite narcisistiche.

Questi individui tendono a provare invidia degli altri e nel contempo pensano che gli altri siano invidiosi di loro. Ritengono spesso che i successi degli altri siano immeritati e che invece avrebbero dovuto avere loro tali successi in quanto più meritevoli.

Possono svalutare in maniera pesante le qualità, i meriti e le capacità degli altri di cui provano invidia e tendono ad assumere un atteggiamento snob e sdegnoso nei confronti di chi sembra avere più successo o più ammirazione di loro.

Disturbo narcisistico e mancanza di empatia

Gli individui con disturbo narcisistico di personalità mancano di empatia e non riescono a percepire e riconoscere i sentimenti, i pensieri e i desideri degli altri.

Tendono spesso a parlare delle proprie preoccupazioni o delle proprie necessità con dettagli inappropriati e prolissi, ma sono incapaci di riconoscere che anche gli altri possono avere preoccupazioni e necessità.

Nei pochi casi in cui vengono riconosciuti, i sentimenti, i bisogni e i desideri degli altri vengono considerati in modo spregiativo e a volte denigratorio, come indice di fragilità emotiva e debolezza psicologica.

Chi si pone in relazione con individui affetti dal disturbo narcisistico di personalità riscontra in essi freddezza emotiva, distanza affettiva e assenza di un reale interesse per l’altro.

Prevedono che le loro esigenze e le loro aspettative vengano sempre soddisfatte e quando questa previsione non si realizza rimangono sconcertati e possono diventare furiosi. Ad esempio, possono aspettarsi che il loro arrivo (ad un incontro, a una festa, ecc.) venga accolto con grande entusiasmo e con riverenza e rimangono sconcertati ed offesi se ciò non avviene.

Nella loro irragionevole aspettativa di essere trattati in maniera speciale e con grande riguardo tendono spesso a percepire di avere il diritto di ottenere privilegi, favori, vantaggi e prerogative particolari.

Per esempio, possono pretendere di avere il diritto di non dovere aspettare in coda e pensare che le loro priorità siano così importanti che gli altri dovrebbero assecondarli e agevolarli nel perseguimento di queste.

Tale irrazionale senso di diritto, unito alla mancanza di sensibilità per i desideri e i bisogni degli altri, può sfociare nello sfruttamento, a volte consapevole e a volte inconsapevole, delle persone con cui i narcisisti si relazionano e interagiscono.

Il narcisista infatti si aspetta che venga soddisfatta ogni sua pretesa ed esigenza, senza rendersi conto di quanto tale aspettativa possa essere per gli altri fastidiosa e disturbante.

Spesso gli individui con disturbo narcisistico di personalità tendono a stringere amicizie o a instaurare relazioni sentimentali solo con persone che li assecondano e che si sottomettono o che comunque confermano il senso di grandiosità di cui il narcisista non può fare a meno.

Le cause del narcisismo

Sulle cause del disturbo narcisistico di personalità diversi psicologi, psicoanalisti e psichiatri hanno formulato varie teorie mettendo in evidenza il ruolo eziologico di diversi fattori (esperienze infantili precoci, atteggiamenti e comportamenti dei genitori, vulnerabilità biologica su base neuropsicologica, ecc.).

In un’ottica cognitiva, alcune recenti teorie hanno identificato alcuni fattori che sembrano alimentare il disturbo narcisistico di personalità: un deficit di monitoraggio autorappresentativo, l’attivazione di cicli interpersonali disfunzionali, gli stati di vuoto devitalizzato, la ricerca costante di stati grandiosi per consolidare l’autostima.

In una interessante teoria elaborata da Giancarlo Dimaggio, Antonio Semerari e altri psicoterapeuti del Terzo Centro di Psicoterapia Cognitiva questi quattro fattori interagiscono tra di loro nel determinare e mantenere il disturbo.

Il trattamento psicoterapeutico dell’individuo con disturbo narcisistico di personalità, secondo quest’ultima teoria, dovrà quindi fondarsi sull’analisi di questi fattori e sulla loro progressiva attenuazione.