Tags: articoli taggati con "empatia"

empatia

L’Empatia, l’ingrediente essenziale nella coppia

Sono contenta di avere avuto molti riscontri positivi e richieste di approfondimento relative al mio primo articolo E (forse) vissero felici e contenti.

Siete stati in molti a chiedermi in anteprima di sapere i famosi strumenti per sostenere la coppia, di cui ho parlato. Intanto vi propongo il primo: l’empatia, che dà il nome a questo nuovo articolo.

Ti può interessare anche: Empatia: la capacità di capire sentimenti ed emozioni degli altri

La solitudine nella coppia

Come al solito, mi faccio aiutare dai protagonisti delle mie sedute di psicoterapia, perché le loro storie sono anche le nostre e possono aiutarci a comprendere come vivere (e non sopravvivere) nella coppia.

Di fronte alla mia scrivania, i due coniugi che avevano condiviso la loro vita per 8 anni, sembravano più soli che mai.

Ognuno di loro mi rivolgeva sguardi da cui emergeva un profondo dolore, rabbia, senso di impotenza, silenzio, paura e bisogno di separarsi.

I due sembravano statue.

Anche muoversi in un certo modo, poteva essere letto dall’altro come un messaggio per colpire, e quindi la coppia arrivata in stanza di terapia, non solo aveva rinunciato a parlarsi, ma anche a comunicare.

Eppure, pochi anni prima, lui e lei si guardavano negli occhi e sorridevano.

Allenare l’empatia

La loro vita era piena di Gioia, Risate, Desiderio di Stare Insieme il più possibile, Voglia di Progettare, Ascolto, Comprensione

L’ingrediente fondamentale del loro Amore era l’Empatia: ognuno di loro si sentiva amato proprio come avrebbe voluto e a sua volta amava l’altro come lui avrebbe voluto.

Dopo qualche anno accade qualcosa di strano in molte coppie: Pur conoscendosi da più tempo, l’empatia si perde e ci si sente aridi, vuoti.

E’ successo anche a te?

Improvvisamente, ognuno cerca nell’altro di soddisfare il proprio bisogno di essere amato secondo i propri desideri, ma questa aspettativa resta delusa e i coniugi si allontanano, sentendosi dolenti, arrabbiati, impotenti e vuoti.

Quando le coppie arrivano in questa fase, si deprimono, oppure si separano, oppure decidono di chiedere aiuto e si rivolgono ad uno psicoterapeuta.

L’empatia va curata! Va allenata!

Quando la coppia nasce tanti fattori, anche ormonali, aiutano la produzione di empatia, ma immaginate che questa quantità iniziale prodotta dalla coppia è minima.

Nelle fasi di vita successive, tale produzione di empatia dipende solo dall’attivazione di entrambi gli appartenenti alla coppia.

Il primo passo per allenarsi nuovamente all’empatia è impegnarsi ad interessarsi all’altro.

Lo so, non è semplice ricominciare, proprio perché ognuno aspetta dall’altro questo interesse nei propri confronti. Ma quest’aspettativa potrebbe non essere mai soddisfatta…

Quindi tocca a te!

Ricominciare ad interessarsi all’altro, valorizzando il partner e non dando per scontato nulla.

Non sto proponendovi di mentire o di fingere. Se voi vivete la difficoltà di ri-conoscere nell’altro, la persona con cui avete deciso di condividere la vostra coppia, le strade sono 2: o smettete di cercare (per ritrovare) o iniziate davvero a cercare (per ritrovare).

Quando uno dei partner si accorge di essere nuovamente valorizzato, improvvisamente si sente nuovamente amabile (ossia degno di amore) e in genere a sua volta farà la stessa cosa.

Quando viceversa si perde l’empatia, il dolore fa sentire soli, la persona si percepisce non amabile: il dolore diventa presto rabbia e l’antico desiderio di amore diventa pretesa e rabbiosa lamentazione.

Occorre invertire questo destino.

Nelle condizioni di grave incomunicabilità, io spesso prescrivo come medicina l’obbligo di trovare 5 minuti al giorno per ascoltarsi, lontani da distrazioni.

Molti mi rispondono non c’è tempo, ma il tempo è davvero un concetto relativo.

Avete mai pensato a quanto tempo impieghiamo per lavoro, faccende di casa, gestione dei figli, palestra, pc, cellulare, ecc.?

Ebbene, quando la coppia soffre, ha la priorità assoluta.

5 minuti al giorno sono pochi se inseriti in una vita frenetica come quella che tutti noi viviamo, ma sono preziosissimi per salvare la vita della coppia!!!

Questo è il primo strumento, impegnativo e fondamentale!

Vi invito ad esercitarvi e ne parleremo insieme nelle prossime dirette sulla Pagina Facebook di Psicologia24.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche gli altri della rubrica L’amore non basta: la coppia e i suoi problemi!

di -
Empatia: la capacità di capire sentimenti ed emozioni degli altri

Due mesi fa ha aperto a Londra il primo Museo dell’Empatia. Un’iniziativa del tutto singolare volta a promuovere sensibilità verso gli altri, presupposto indispensabile di interazione sociale, condivisione, integrazione.

L’empatia è il concetto cardine di questo progetto. Una risorsa straordinaria, riconosciuta da sempre come vantaggio evolutivo per l’uomo, in grado di aumentare impegno e interazione sociale, abbattere pregiudizio, conflitto e disuguaglianza. Instillare valori umani.

Una capacità di cui senza dubbio abbiamo particolare bisogno in questo momento della nostra storia, visti i temi sociali più attuali.

Ti può interessare anche: Gatti, emozioni ed intelligenza emotiva

Camminare nelle scarpe altrui

L’idea di questo particolare museo ci fa capire in effetti che è stata avvertita l’esigenza di uno spazio per comunicare e proteggere una risorsa preziosa che stiamo perdendo.

Di inventare un luogo di esperienze e condivisione itinerante – toccherà numerose città della Gran Bretagna e si concluderà in Australia – per comprendere cosa significhi entrare nei panni dell’altro, vedere il mondo attraverso i suoi occhi.

Try walking in my shoes, come suggeriscono i Depeche Mode in un loro brano. Quello che si può fare letteralmente in questo museo, indossando un paio di scarpe di sconosciuti come profughi, operai, vagabondi o banchieri della city e camminarci per un po’, ascoltando in cuffia la loro storia.

Un’esperienza simbolica, così come le proposte di film e libri offerte nel sito Empathy Museum, per spronare le proprie potenzialità empatiche, affinarsi nell’apprezzare punti di vista, esperienze e sentimenti diversi dai nostri.

L’empatia è l’arte di mettersi nei panni di un altro e di vedere il mondo attraverso i suoi occhi – riflette l’ideatore del progetto Roman Krznaric, ex docente di Cambridge, filosofo popolare in Gran Bretagna – E’ lo strumento più potente che abbiamo per capire la vita degli altri: l’Empathy Museum nasce proprio per questo.

Empatia e neuroscienze

Le moderne neuroscienze, con gli studi più recenti, hanno mostrato che la capacità di provare ciò che sente l’altro è sostenuta da basi biologiche. Sono stati identificati i famosi neuroni specchio e si è dimostrato che, dal punto di vista psicobiologico, soffriamo assistendo al dolore altrui così come quando lo viviamo personalmente, attivando le medesime aree cerebrali.

Dolore fisico ed emotivo inoltre condividono gli stessi circuiti neurali. L’assenza di empatia è stata osservata nei sociopatici, nei criminali violenti nei quali non si attivano le aree cerebrali necessarie per provare preoccupazione verso gli altri.

Si ritiene inoltre che i primi percorsi neurali dell’empatia si formino già nella prima infanzia. Sono le esperienze precoci di attaccamento a segnare il modo personale di stare con gli altri, diventare empatici.

E’ questa la palestra emotiva nella quale ci alleniamo capendo se i sentimenti sono accolti e compresi dall’altro, se i bisogni trovano risposta. Dove impariamo a sintonizzarci, a ritmare le relazioni in una reciprocità che sta alla base di ogni forma di amore.

Sono poi le esperienze successive e la consapevolezza di noi stessi a determinare il nostro potenziale empatico.

Connettersi con l’altro

Sentire l’altro però va oltre il comprenderlo, c’è bisogno di uscire dalla versione personale, dalla messa a fuoco egocentrica.

Connettersi all’altro, al suo mondo emotivo, alla sua realtà, collegarsi vuol dire essere in sintonia, intuire il suo sentire.

Un bluetooth tra mondi personali diversi attraverso il quale circolano e si scambiano liberamente sensazioni, ci si motiva e influenza grazie alle emozioni. Al di là delle parole.

E’ indispensabile in ogni relazione, permette di comprenderci profondamente, incontrarsi, essere coinvolti.

Quando non siamo attenti a ciò che gli altri provano probabilmente non lo siamo nemmeno verso noi stessi, ci trattiamo con superficialità o distacco. Siamo persi, confusi e lontani da tutti.

Disposti a conflitti, a difficoltà nella comunicazione, ad atteggiamenti contraddittori. Bloccati in un mondo individualista. Con gravi conseguenze a livello sociale.

In una sorta di disturbo da deficit di empatia – etichetta inesistente nella letteratura scientifica – la nostra cultura in effetti sembra privilegiare disconnessione, insensibilità, indifferenza a favore di autosufficienza e indipendenza.

In un mondo globalizzato e interconnesso paradossalmente manca il filo emotivo della connessione, la consapevolezza di essere tutti legati.

Eppure la scienza ci dice che siamo dotati di sorprendenti strutture neuroplastiche, possiamo riprogrammarci, cambiare, formare nuove connessioni.

Si può lavorare anche sull’empatia, addestrarla e rafforzarla. Uscendo dal nostro egocentrismo emotivo che distorce la comprensione degli altri a favore di quelle reti neurali che permettono di legarsi e amare le altre persone.

Allenandoci attraverso comportamenti prosociali. Affinando la nostra intelligenza emotiva e sociale.

Passando dal Museo dell’Empatia, per iniziare.

Brunella Gasperini per Psicologia24

Empatia: la capacità di capire sentimenti ed emozioni degli altri

Due mesi fa ha aperto a Londra il primo Museo dell’Empatia. Un’iniziativa del tutto singolare volta a promuovere sensibilità verso gli altri, presupposto indispensabile di interazione sociale, condivisione, integrazione.

L’empatia è il concetto cardine di questo progetto. Una risorsa straordinaria, riconosciuta da sempre come vantaggio evolutivo per l’uomo, in grado di aumentare impegno e interazione sociale, abbattere pregiudizio, conflitto e disuguaglianza. Instillare valori umani.

Una capacità di cui senza dubbio abbiamo particolare bisogno in questo momento della nostra storia, visti i temi sociali più attuali.

Ti può interessare anche: Gatti, emozioni ed intelligenza emotiva

Camminare nelle scarpe altrui

L’idea di questo particolare museo ci fa capire in effetti che è stata avvertita l’esigenza di uno spazio per comunicare e proteggere una risorsa preziosa che stiamo perdendo.

Di inventare un luogo di esperienze e condivisione itinerante – toccherà numerose città della Gran Bretagna e si concluderà in Australia – per comprendere cosa significhi entrare nei panni dell’altro, vedere il mondo attraverso i suoi occhi.

Try walking in my shoes, come suggeriscono i Depeche Mode in un loro brano. Quello che si può fare letteralmente in questo museo, indossando un paio di scarpe di sconosciuti come profughi, operai, vagabondi o banchieri della city e camminarci per un po’, ascoltando in cuffia la loro storia.

Un’esperienza simbolica, così come le proposte di film e libri offerte nel sito Empathy Museum, per spronare le proprie potenzialità empatiche, affinarsi nell’apprezzare punti di vista, esperienze e sentimenti diversi dai nostri.

L’empatia è l’arte di mettersi nei panni di un altro e di vedere il mondo attraverso i suoi occhi – riflette l’ideatore del progetto Roman Krznaric, ex docente di Cambridge, filosofo popolare in Gran Bretagna – È lo strumento più potente che abbiamo per capire la vita degli altri: l’Empathy Museum nasce proprio per questo.

Empatia e neuroscienze

Le moderne neuroscienze, con gli studi più recenti, hanno mostrato che la capacità di provare ciò che sente l’altro è sostenuta da basi biologiche. Sono stati identificati i famosi neuroni specchio e si è dimostrato che, dal punto di vista psicobiologico, soffriamo assistendo al dolore altrui così come quando lo viviamo personalmente, attivando le medesime aree cerebrali.

Dolore fisico ed emotivo inoltre condividono gli stessi circuiti neurali. L’assenza di empatia è stata osservata nei sociopatici, nei criminali violenti nei quali non si attivano le aree cerebrali necessarie per provare preoccupazione verso gli altri.

Si ritiene inoltre che i primi percorsi neurali dell’empatia si formino già nella prima infanzia. Sono le esperienze precoci di attaccamento a segnare il modo personale di stare con gli altri, diventare empatici.

E’ questa la palestra emotiva nella quale ci alleniamo capendo se i sentimenti sono accolti e compresi dall’altro, se i bisogni trovano risposta. Dove impariamo a sintonizzarci, a ritmare le relazioni in una reciprocità che sta alla base di ogni forma di amore.

Sono poi le esperienze successive e la consapevolezza di noi stessi a determinare il nostro potenziale empatico.

Connettersi con l’altro

Sentire l’altro però va oltre il comprenderlo, c’è bisogno di uscire dalla versione personale, dalla messa a fuoco egocentrica.

Connettersi all’altro, al suo mondo emotivo, alla sua realtà, collegarsi vuol dire essere in sintonia, intuire il suo sentire.

Un bluetooth tra mondi personali diversi attraverso il quale circolano e si scambiano liberamente sensazioni, ci si motiva e influenza grazie alle emozioni. Al di là delle parole.

E’ indispensabile in ogni relazione, permette di comprenderci profondamente, incontrarsi, essere coinvolti.

Quando non siamo attenti a ciò che gli altri provano probabilmente non lo siamo nemmeno verso noi stessi, ci trattiamo con superficialità o distacco. Siamo persi, confusi e lontani da tutti.

Disposti a conflitti, a difficoltà nella comunicazione, ad atteggiamenti contraddittori. Bloccati in un mondo individualista. Con gravi conseguenze a livello sociale.

In una sorta di disturbo da deficit di empatia – etichetta inesistente nella letteratura scientifica – la nostra cultura in effetti sembra privilegiare disconnessione, insensibilità, indifferenza a favore di autosufficienza e indipendenza.

In un mondo globalizzato e interconnesso paradossalmente manca il filo emotivo della connessione, la consapevolezza di essere tutti legati.

Eppure la scienza ci dice che siamo dotati di sorprendenti strutture neuroplastiche, possiamo riprogrammarci, cambiare, formare nuove connessioni.

Si può lavorare anche sull’empatia, addestrarla e rafforzarla. Uscendo dal nostro egocentrismo emotivo che distorce la comprensione degli altri a favore di quelle reti neurali che permettono di legarsi e amare le altre persone.

Allenandoci attraverso comportamenti prosociali. Affinando la nostra intelligenza emotiva e sociale.

Passando dal Museo dell’Empatia, per iniziare.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche gli altri della rubrica L’Alfabeto delle Donne!

IL LIBRO DEL MESE

EVENTI